Cosa volete dirmi?

L’infezione all’alluce si è aggravata improvvisamente nel giro di poche ore… Adesso è gonfio e rosso..
Ho la tosse da settimane, forte, da dare di stomaco…
Ma non è solo questo… piccole cose, certo, ma fatico a ricordare un momento della mia vita in cui fossi sana… Qualche dolorino di varia natura, infezioncine varie… inizio a pensare che non sono solo cagionevole. Io che credo che tutto abbia un senso, penso che c’è qualcosa… qualcosa che devo apprendere ma non comprendo, qualcosa che continuo a sbagliare.
Mi sento esausta. E smarrita.
Ne ho parlato con una sorella, mi ha aiutato a riflettere.
Sul fatto che non ho cura di me, ed è vero anche se ultimamente sto migliorando…
Sul fatto che non mi ascolto.
Il piede… Un passo che non riesco a fare… Ed ha senso anche questo anche se mi sembra di aver quantomeno preso una direzione…
Non lo so, ho paura di non saper ascoltare, ho paura della piega che può prendere questa cosa…

Annunci

Le donne non hanno il ciclo

“Ho il ciclo”.. è un’espressione che mi dà urto, non immaginate quanto.. un’espressione sbagliata e maschilista, ma entrata talmente nel parlare comune che non ci si rende conto della sua devastante portata!
Sbagliata!
Sbagliata perchè si, cara donna, tu hai il ciclo… tu hai il ciclo sempre, dal menarca al giorno in cui vai in menopausa. Ogni giorno vivi il tuo ciclo, e non ne sei consapevole, e cavolo quanto saresti forte se invece ne fossi cosciente. Tu sei ciclo, il ciclo è il tuo potere: ovulazione, decadenza dell’ovulo non fecondato, mestruo, libertà dal concepimento, ovulazione… e si ricomincia… come la luna, come le stagioni. La ciclicità è dentro, è sempre, siamo noi la ciclicità!
Maschilista
Maschilista perchè si dice ciclo per non dire quell’altra parola lì, quella brutta brutta sporca sporca, quella che non si dice… “le mie cose”, “le rosse”, “quei giorni”, “le cugine”, “la rugiada”… Mestruazioni. Si chiamano mestruazioni, e non è una cosa scabrosa, non è una parolaccia, non siamo impure in quei giorni. E’ sangue, normalissimo sangue. E’ potere di concepimento in potenza che non ha avuto realizzazione, è morte per rinascere ad un nuovo potere creativo. E’ solo sangue, e si chiama mestruazione. E mortificare questo, è mortificare la donna nella sua essenza fondamentale e fondante!

Blog su WordPress.com.

Su ↑